Nucleare, il WWF di Forlì replica a Bulbi

Il Presidente della Provincia evidentemente ama fare gratuite provocazioni oltretutto fuori tempo massimo.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Il Presidente della Provincia evidentemente ama fare gratuite provocazioni oltretutto fuori tempo massimo.
 
Non gli è bastato il referendum del 12-13 giugno scorsi, né la tragedia giapponese di Fukushima per fargli rinfoderare la sciabola del nucleare ad oltranza, ormai definitivamente seppellito non solo dalla consapevole coscienza popolare, ma anche dallo stesso mondo scientifico e tecnologico, nazionale ed internazionale. Non solo: all’ordine del giorno risultano incidenti di varia natura negli impianti esistenti, gran parte dei quali sono obsoleti ed ormai da demolire, senza sapere ancora dove andranno a finire le scorie.
 
E’ il caso anche delle centrali nucleari italiane dismesse ormai da 25 anni.
 
L’opinione di Bulbi, come evidenziato dalla stampa del 1 ottobre 2011 nell’incontro del Rotary valle del Rubicone, è perciò irricevibile a tutti i livelli. Il WWF smentisce nel modo più assoluto di aver preso mai posizione contro il fotovoltaico perché esso abbaglierebbe gli uccelli migratori. Il WWF invece è contrario agli impianti fotovoltaici, eolici e di biomasse di grandi dimensioni, funzionali solo alla speculazione finanziaria basata sugli incentivi dei certificati verdi.
 
Il WWF propone in alternativa un nuovo sistema energetico con produzione e consumo distribuiti sul territorio di energia da fonti rinnovabili. Tale soluzione non prevede grandi impianti centralizzati causa di gravi impatti ambientali e di profitti a favore di pochi. Nella prossima iniziativa Energy Education Day del 15 ottobre prossimo nei Comuni di Forlì e Cesena, il WWF esporrà una strategia energetica alternativa a quella attuale, auspicando in merito un dibattito serio ed approfondito anche con i “nostalgici” del nucleare.
 

Torna su
ForlìToday è in caricamento