rotate-mobile
Cronaca

In primavera parte il restyling del mercato coperto: verso il polo del fresco forlivese

L'annuncio è stato dato dall'assessore alle Attività produttive, Maria Maltoni, durante la presentazione del secondo progetto speciale "Centro commerciale naturale di Forlì", del quale fa parte anche la promozione del mercato

Partono in primavera i lavori di restyling del mercato coperto di piazza Delle Erbe, dopo una lunga attesa dovuta al blocco dei fondi per il patto di stabilità. L'annuncio è stato dato dall'assessore alle Attività produttive, Maria Maltoni, durante la presentazione del secondo progetto speciale “Centro commerciale naturale di Forlì”, del quale fa parte anche la promozione del mercato. La nuova veste della storica struttura prevede una sorta di rivoluzione del spazi interni, per un'operazione del costo di circa 600mila euro.

Ad oggi gli operatori del mercato sono circa 35, compresi i produttori agricoli che vendono a km zero. In previsione dei lavori di ristrutturazione non sono state concesse nuove licenze. Dopo i lavori,  per la promozione del mercato coperto è previsto un progetto, realizzato dal Comune e da Forlì nel Cuore. Durante gli interventi il mercato non verrà chiuso.

Uno degli obiettivi del restyling è quello di creare postazione di somministrazione di alimenti e bevande nella piazza centrale del mercato. Dopo il recupero delle strutture in muratura, le baracche di metallo saranno eliminate dalla piazza. Le pescherie si trasferiranno nell'esaedro (l'area circolare) e al loro posto traslocherà l'ortofrutta. Una volta finito questo primo passo, si ragionerà sulla promozione.

“L'obiettivo – spiega il coordinatore di Forlì nel Cuore, Francesco Ferro – è quello di diventare un centro di eccellenza per la vendita dei prodotti del territorio a km zero, con lo sviluppo del segmento dedicato al fresco. Un polo che sarà complementare a Eataly, che si prepara a sbarcare in piazza Saffi”. Le linee guida che verranno seguite sono quelle di un maggiore servizio ai residenti, con il potenziamento del mercato, e del rilancio del turismo tramite un nuovo polo di attrazione costruito su prodotti tipici, a km zero, e di qualità.

Per raggiungere questo obiettivo si cercherà, in accordo con gli operatori ambulanti, di definire un modello di gestione e di promozione. Si pensa, ad esempio, ad una identità creata attraverso un nome ed un insegna, a iniziative strategiche come la consegna a domicilio, la valutazione delle categorie merceolgiche, la shopper unica per tutto il mercato, percorsi guidati, orari di apertura strategici e coordinati per tutto il centro storico.  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In primavera parte il restyling del mercato coperto: verso il polo del fresco forlivese

ForlìToday è in caricamento