Ben 36 alberi tagliati in viale Gramsci, l'assessore Petetta: "Erano pericolanti"

A spiegare l'intervento è l'assessore al Verde pubblico Giuseppe Petetta: “Nelle scorse settimane i professionisti incaricati hanno svolto una capillare mappatura di parte delle nostre alberature comunali "

Nuova ondata di abbattimenti di alberi nelle strade forlivesi. I tagli, circa una quarantina, si sono concentrati soprattutto in viale Gramsci dove in pochi giorni, con il traffico ridotto a zero per le strade, sono stati tagliati o verranno tagliati nei prossimi giorni 36 alberi (28 aceri e 8 carpini). Altri tagli sono avvenuti in altri luoghi della città, di alberature singole secche o ammalorate: in 1-2 unità in viale della Libertà, via Bertini, via Cadore e Porta Schiavonia.

A spiegare l'intervento è l'assessore al Verde pubblico Giuseppe Petetta: “Nelle scorse settimane i professionisti incaricati hanno svolto una capillare mappatura di parte delle nostre alberature comunali per rilevarne lo stato di salute, le condizioni di stabilità e di sicurezza; attività che proseguirà nei successivi due anni. Gli alberi abbattuti, è bene precisarlo, sono stati classificati da professionisti specializzati in questa tipologia di verifiche come appartenenti alla classe D per i quali è obbligatorio (non facoltativo) disporne l'immediato abbattimento al fine di tutelare la pubblica incolumità”.

Ed ancora: “Entrando nel merito e per dissipare spiacevoli ragionamenti, i rilevamenti sono stati condotti da un raggruppamento di professionisti esterni incaricati a seguito di gara pubblica indetta e conclusa durante la  precedente Amministrazione. Questo ciclo di lavori urgenti e indifferibili al patrimonio arboreo del nostro Comune è stato effettuato con l’obiettivo di garantire, prima di tutto, la sicurezza dei nostri cittadini e la qualità del verde urbano”.

Il taglio degli alberi era già da qualche giorno al centro delle proteste, sopratutto sui social network, come spesso capita ogni volta che avvengono tagli di alberature lungo le strade. Molti forlivesi hanno inoltre ricevuto in modo 'virale' un audio whatsapp in cui si parla di abbattimenti nel parco urbano chiuso al pubblico e si associa il taglio degli alberi a non chiare 'necessità' di far spazio al segnale telefonico 5G. Su questi aspetti taglia corto l'assessore Petetta: “Nell’area del parco urbano e lungo il percorso pedonale nei pressi del fiume Montone non è in corso alcun abbattimento ma solamente interventi di potatura dei rami secchi in alcun modo riconducibili alle logiche del 5G”. Continua l'assessore Petetta: “La signora che ha diffuso quest'audio whatsapp ha sostenuto che nessuno rispondeva agli uffici del Verde, cosa che non mi risulta, in ogni caso l'ho chiamata io direttamente in prima persona per darle le informazioni che cercava, sperando che non invii altri messaggi allarmistici”.

“Questo Comune è particolarmente attento alla salute e al benessere dei propri cittadini - conclude l’Assessore Petetta –. Ed è per questa ragione che, in linea con gli obiettivi prestabiliti nel nostro piano triennale degli investimenti, in questi mesi abbiamo già ripiantato oltre 2mila alberature a cui se ne aggiungeranno 5mila all’anno per il prossimo triennio. Per qualsiasi ulteriore chiarimento il nostro Ufficio Manutenzione e Verde del nostro Comune è regolarmente attivo ai seguenti numeri: 0543 /712886 - 0543/712866 - 0543/712290 - 0543/ 712885 - 0543/ 712830”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento