Terrore ai Romiti, un affare finito male: e così ha sparato all'ex socio

All'origine del sanguinoso episodio un contenzioso economico

Si trova in carcere con le accuse di tentato omicidio aggravato dalla premeditazione e porto abusivo d'arma Riccardo Faggioli, il 39enne forlivese titolare del chiosco "Piada e Parsot" in viale Bologna autore della sparatoria che lunedì sera ha terrorizzato un'area residenziale dei Romiti e nella quale è rimasto ferito l'ex socio in affari, un 43enne forlivese, residente fuori città. All'origine del sanguinoso episodio un contenzioso economico: il 43enne avrebbe convinto nel 2015 ad investire una somma tra i 300 ed i 500mila euro in un'attività ristorativa a Londra, indebitandosi. Quindi avrebbe scoperto durante un viaggio nella capitale inglese, secondo la sua versione dei fatti, di essere stato truffato, in quanto del locale non c'era traccia. Da allora l'uomo, incensurato, ha cercato di rientrare in possesso del denaro, fino al raptus omicida.

IL MOVENTE - Lunedì pomeriggio i due, che non si incontravano da mesi, si sono dati appuntamento da un avvocato per trovare un accordo in prospettiva. L'incontro, tuttavia, non è andato come il 39enne auspicava. Così nella prima serata ha atteso l'arrivo dell'ex socio davanti ad un condominio in via Martiri delle Foibe, ha estratto una 357 Magnum (regolarmente detenuta in casa e con la licenza per sparare al poligono) ed ha premuto il grilletto per tre volte: un colpo ha raggiunto il polso del rivale, il quale è riuscito a rintanarsi nell'appartamento della madre, al primo piano.

LE FOTO NELLA PAGINA SUCCESSIVA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, sfiorato il colpaccio da oltre 67 milioni: si consola con una bella vincita

  • Elezioni regionali, l'Emilia Romagna elegge il nuovo presidente: la diretta dello spoglio, tutti i dati

  • Soccorsa una donna colpita da un grave malore, tempestivo intervento per forzare la porta e salvarla

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • Nel Forlivese solo Forlì e tre comuni preferiscono Bonaccini, l'entroterra è con Borgonzoni

Torna su
ForlìToday è in caricamento