Ultima ingegnosa truffa del bancomat, hacker in azione. Come evitare l'inganno

Secondo quanto segnalato dal malcapitato, un soggetto è abilmente riuscito a carpire il codice segreto dopo che si era impossessato del bancomat che l'istituto di credito gli aveva spedito

E’ una truffa seriale, che sta angosciando i risparmiatori romagnoli. Una banda di hacker che colpisce in particolare chi deve rinnovare la propria tessera bancomat. E' emerso che chi attende dal proprio istituto di credito la carta magnetica a casa, a volte non la riceve. Questo perché qualcuno è riuscito a metter mano alla busta dalla cassetta delle Poste oppure perché l'ha rubata in un modo ancora non bene chiaro dai detective.

Gli agenti dell''Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, diretti dal dirigente Stefano Santandrea, stanno indagando su un episodio recentemente denunciato in Questura da parte di un forlivese che ha subìto il prelievo fraudolento di 520 euro dal suo conto corrente. Secondo quanto segnalato dal malcapitato, un soggetto è abilmente riuscito a carpire il codice segreto dopo che si era impossessato del bancomat che l'istituto di credito gli aveva spedito in sostituzione di quello in procinto di scadere.

La truffa

Gli autori della truffa prima si sono impossessati di una spedizione di carte ancora da attivare, poi traendo il nome impresso sul bancomat è stato rintracciato il numero di telefono fisso registrato in elenco così che poi una donna ha contattato il titolare simulando di essere una impiegata dell'istituto, chiedendo al cliente se intendesse mantenere lo stesso codice segreto della tessera già in uso ma in scadenza, e alla risposta affermativa ha domandato di digitare il codice sulla tastiera del telefono, indicando questa procedura come necessaria per l'approvazione di questa opzione (che in realtà è una procedura standard).

Evidentemente questi truffatori disponevano di un lettore dei suoni della tastiera che ha così consentito loro di decodificare la serie numerica. Poi si sono recati allo sportello bancomat di Cesena e usando la nuova carta bancomat hanno prelevato il contante. Contestualmente, come è noto, questa operazione ha attivato la nuova carta e disattivato quella vecchia così che il cliente ignaro si è pure trovato con un bancomat scaduto e disattivo.

Altri casi

Sembra che questi delinquenti si siano impossessati di una corposa spedizione poiché lo stesso giorno sono stati denunciati casi analoghi anche in provincia di Ravenna e Rimini. Per ora sono emersi 5 casi identici. I reati per i quali si indaga vanno dal furto aggravato alla sottrazione di corrispondenza,  la ricettazione, la truffa aggravata e indebito utilizzo di carta di credito o pagamento.

I suggerimenti

La polizia avvisa la cittadinanza "a prestare sempre la massima attenzione per non cadere in inganno qualora dovessero ricevere simili telefonate, perché non corrisponde ad alcuna procedura ufficiale delle banche quella di chiedere al cliente se intenda o meno mantenere lo stesso codice segreto, trattandosi invece questo di un automatismo già standardizzato da tempo e non sottoposto alla discrezione del cliente". 

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

  • Parcheggi gratuiti per future mamme e neogenitori: ecco tutte le informazioni per ottenere il pass

I più letti della settimana

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trovata senza vita in casa, aveva dei lividi. Gli accertamenti escludono la morte violenta

  • Rientro dalle ferie amaro: gli rubano l'armadietto blindato con le armi e viene anche denunciato

  • Taccheggiatrici seriali all'iper, la mamma poteva contare sull'aiuto della figlioletta: stanate dalla Polizia

  • Schianto alla rotonda della tangenziale di Bussecchio: due giovani feriti

Torna su
ForlìToday è in caricamento