rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Politica

Primarie ER, il professor Vincenzo Balzani sostiene l'ex sindaco di Forlì

Nel prossimo mandato amministrativo regionale è necessario assecondare questa transizione anche al fine di promuovere lo sviluppo economico della Regione nel pieno rispetto del suo territorio e dell’ambiente

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

L’energia è la risorsa più importante. Per questo motivo città, regioni, nazioni e comunità di nazioni come l’Unione Europea cercano di dotarsi di strategie che possano garantire la disponibilità di energia nei prossimi decenni nel rispetto della sostenibilità ambientale. Per contenere i cambiamenti climatici, limitare l’inquinamento e, allo stesso tempo per ridurre la dipendenza energetica dell’Italia da altre nazioni è necessario uscire dall’era dei combustibili fossili e sviluppare le energie rinnovabili.

Questa transizione, già in atto, deve essere condotta con una strategia integrata: da una parte, lo sviluppo delle fonti rinnovabili per sostituire gradualmente i combustibili fossili, dall’altra la riduzione dei consumi evitando gli sprechi e aumentando l’efficienza nei processi che richiedono energia.

Nel prossimo mandato amministrativo regionale è necessario assecondare questa transizione anche al fine di promuovere lo sviluppo economico della Regione nel pieno rispetto del suo territorio e dell’ambiente. Sarà fondamentale: promuovere il risparmio energetico degli edifici e dei processi produttivi mediante adeguate normative regionali e incentivi fiscali; formulare un piano energetico regionale per lo sfruttamento estensivo della energia solare, favorendo lo sviluppo di una filiera industriale estesa ai sistemi di accumulo e alle reti di distribuzioni intelligenti (smart grid), anche nella prospettiva dello sviluppo dell’alimentazione elettrica per i mezzi di trasporto; disincentivare l’uso di colture dedicate (barbabietole, mais, ecc.) per produrre combustibili poiché questa tecnologia ha una scarsa efficienza energetica, un trascurabile impatto positivo sull’ambiente e compete con la produzione di cibo; definire vincoli paesaggistici e ambientali per non permettere la trivellazioni di idrocarburi nel territorio regionale e nella costa adriatica; ridurre i contributi per la produzione di energia da fonti fossili, con progressivo passaggio dal costoso regime di “capacità garantita” a quello di una razionale utilizzazione delle energie rinnovabili basata su smart grid e accumulo.

Il programma di sviluppo economico, tutela del territorio e regolazione dei beni comuni di Roberto Balzani è pienamente coerente con queste azioni, per questo lo sostengo.

Vincenzo Balzani, professore emerito Università di Bologna

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie ER, il professor Vincenzo Balzani sostiene l'ex sindaco di Forlì

ForlìToday è in caricamento