menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il nuovo punto bus rivoluziona la mobilità entro luglio

Mistero sulla pensilina in Piazza Saffi che rimarrebbe inutile una volta trasferito il capolinea, e che, è già stato confermato, è spostabile. Alla fine di tutto pare che si trasferirà

Una conferenza stampa per cercare di placare le polemiche che si sono scatenate quando in piazzale Martiri D'Ungheria, quello della Stazione, sono state piazzate le transenne nei parcheggi per l'inizio lavori per la realizzazione del nuovo capolinea del trasporto pubblico. Proteste di cittadini, commercianti e tassisti. In Comune non si scende troppo nel dettaglio, in quanto il progetto verrà presentato ufficialmente il 19 giugno. Resta ancora una alone di mistero.



Mistero sulla pensilina in Piazza Saffi che rimarrebbe inutile una volta trasferito il capolinea, e che, è già stato confermato, è spostabile. Alla fine di tutto pare che si trasferirà. Ma per ora nessuno vuole fiatare. Anche sullo spazio già costruito come punto bus, proprio in via Volta e quasi sempre vuoto, non ci sono chiarimenti, a parte un “non escludiamo di utilizzare il terminal esistente”, da parte del vicesindaco.

PARCHEGGI
Con il transennamento di alcune aree della zona Stazione sono stati resi inutilizzabili circa 50 posti auto. Il vicesindaco di Forlì, Giancarlo Biserna, precisa che, “a lavori terminati, quei posti saranno tutti recuperati e forse ce ne saranno anche in più”. Una 30ina saranno recuperati quasi subito in via Volta, a latere, e altri 20 dall'altra parte, verso via Colombo. “Nell'arco di 300 metri ci sono comunque ben tre parcheggi che sono quasi sempre quasi vuoti: quelli sotterranei di via Manzoni e del Centro commerciale i Portici e, appunto, quello di Via Volta”, sottolinea Biserna.

COMUNICAZIONE
La polemica è nata in gran parte dal fatto che è stata attribuita al Comune una scarsa comunicazione sull'inizio dei lavori. “Abbiamo raccolto e continuiamo a farlo le osservazioni della cittadinanza e delle associazioni, cercando man mano di andare incontro a tutte le esicgenze – conferma Biserna – inoltre l'inizio dei lavori ed il conseguente divieto di sosta è stato comunicato attraverso gli organi di stampa e con cartelli ben visibili, già da mercoledì scorso. Per le auto che non sono state spostate si è risalti, anche attraverso l'aiuto della Polizia Municipale, ai proprietari”. Fino a mercoledì mattina non sono state rimosse auto. C'è un lasso di 3 ore di cui non si sa nulla. Ma a mezzogiorno circa non c'erano più auto da spostare.

IL NUOVO PUNTO BUS
Dario Pinzarone e Claudio Mambelli funzionari comunali e Stefano Spazzoli di Forlì Mobilità Integrata, spiegano cosa cambierà. Le pensiline ora esistenti verranno tolte dalla rotatoria, che sarà ripavimentata, e spostate nello spazio adibito al nuovo capolinea, ovvero quello che di fronte alla stazione confina con il terminal già esistente. Qui l'area verrà allargata di 5 metri con la costruzione di 2 banchine. Le pensiline saranno 7. Lo storico cedro del Libano con verrà toccato. Saranno inoltre sistemate tutte le aiuole del piazzale antistante la stazione e, per il collegamento con piazza Saffi, ci sarà un sistema di navette ad alta frequenza. Sono 16 le linee che gravitano sul punto bus negli orari di punta e anche i bus turistici avranno un posto dove sostare

TEMPI E COSTI
Per la riqualificazione complessiva verranno spesi 240mila euro di cui 100mila finanziati dalla Regione. C'è urgenza di finire i lavori in estate perchè a settembre riaprono le scuole. Si parla di fine luglio.

BIKE SHARING
Nello stesso periodo dovrebbe partire il servizio di bike sharing con 6 postazioni: la più grande con 24 biciclette di cui 6 elettriche in Stazione. Le altre in Piazzale della Vittoria, parcheggio dell'argine in viale Salinatore, Poste, Schiavonia, San Domenico.

 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Forlì usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento