menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Muore di Legionellosi dopo esser stata dal dentista

La morte di un'anziana forlivese di 82 anni è finita al centro di uno studio pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifico-sanitaria britannica “The Lancet”. La donna era deceduta il 9 febbraio 2011

La morte di un'anziana forlivese di 82 anni è finita al centro di uno studio pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifico-sanitaria britannica “The Lancet”. La donna era deceduta il 9 febbraio dello scorso anno all'ospedale “Morgagni-Pierantoni” per legionellosi. E' emerso che la malattia era stata contratta in seguito ad un trattamento di routine dal dentista. Il batterio infatti può annidarsi nell’acqua del circuito idrico della poltrona odontoiatrica.

Da qui può diffondersi attraverso l’aerosol rilasciato dai rubinetti e dagli strumenti dotati di turbine che utilizzano acqua. “Sono indispensabili controlli frequenti e di diverso tipo quali ad esempio: utilizzare sistemi di ricircolazione dell’acqua e sistemi antistagnazione”, ha spiegato Maria Luisa Ricci, del Dipartimento malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate dell’Istituto superiore della sanità.

Tra i suggerimenti della dottoressa Ricci anche quello di “flussare quotidianamente i rubinetti e gli strumenti che erogano acqua e sempre prima di ogni trattamento; applicare a monte degli strumenti (ad es. trapano), dei filtri”; “è importantissimo inoltre monitorare almeno annualmente i livelli di contaminazione di Legionella nell’acqua della poltrona odontoiatrica”. L'anziana era stata ricoverata nel reparto di terapia intensiva del “Morgagni-Pierantoni” dopo aver accusato febbre e difficoltà respiratorie.

I successivi accertamenti hanno consentito di appurare la presenza del batterio “Legionella pneumophila”. Nonostante le cure del caso, dopo 48 ore l'82enne è deceduta. Per identificare la possibile fonte di contaminazione, sono stati prelevati campioni d’acqua dai rubinetti e dalle turbine dello studio dentistico, ma anche dai rubinetti e dalla doccia della casa della vittima. I campioni prelevati dagli strumenti del dentista sono risultati positivi per “L pneumophila”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento