Nobel della natura: il parco delle Foreste casentinesi candidato alla "Green list"

Un premio di grande prestigio: "Ad oggi hanno ottenuto il riconoscimento solo 49 aree protette del mondo", spiega il presidente del parco Luca Santini

Il parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna è candidato alla 'Green list' della Iucn, il primo standard mondiale per la certificazione della qualità ambientale nelle aree protette. L'Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn, International union for the conservation of nature), è una organizzazione non governativa con sede in Svizzera. La sua "Green list" premia, su tutto il pianeta, le migliori gestioni di aree protette rivolte al tema della conservazione.

Per accedere alla Green list le aree naturali protette devono rispondere a tutti i requisiti di qualità richiesti dal Global standard della Iucn, sia in termini di conservazione del capitale naturale che per quanto riguarda il livello gestionale. I criteri per l’accesso alla lista registrano anche elementi di valutazione relativi all’adattamento alla loro realtà. In Italia le procedure di accesso dei parchi alla Green list Iucn avvengono grazie all’impegno del ministero dell’Ambiente e con il supporto di Federparchi.

 "La Green list rappresenta il 'Nobel' della natura - esordisce Luca Santini, presidente del Parco nazionale -. La Iucn è la più autorevole istituzione scientifica internazionale che si occupa di conservazione della natura. Ad oggi hanno ottenuto il riconoscimento solo 49 aree protette del mondo su 200.000. Di queste solo una è in Italia: il primo Parco costituito nel nostro paese, nel 1922, quello del Gran Paradiso. Sarà dura, ma il Parco nazionale, già riconosciuto Patrimonio dell'umanità Unesco dal 2017, ha senz'altro ottime carte da giocarsi".

"Il valore di Green list non risiede unicamente nel giusto riconoscimento per le capacità di un Parco, ma ha risvolti molto importanti per le politiche di sostenibilità di tutto il pianeta - continua Giampiero Sammuri, presidente Federparchi -. Le finalità di un parco sono a servizio di tutta la comunità, sia locale che globale. Questo compito, che in passato sembrava relegato a una mera testimonianza di salvaguardia di specie e habitat in pericolo, oggi è diventato parte determinante di una sfida che impegna i responsabili politici ed economici di tutto il mondo. I parchi, soprattutto quelli riconosciuti 'Green list', rappresentano un importante  riferimento tecnico e di governance per il mantenimento delle risorse naturali fondamentali per la salute dei cittadini e per una economia sostenibile più a misura d’uomo."

Gli ispettori Eagl (Expert assessment group) hanno avuto un confronto con gli stakeholder (sindaci ed operatori dell'intero territorio), hanno approfondito i progetti in collaborazione con le realtà imprenditoriali e associative del territorio, in particolare quelli relativi al "Cane da guardianìa" e al "Percorso del lupo" di Moggiona. Si sono poi spostati in Romagna, nella foresta di Campigna e ai margini della riserva naturale integrale di Sasso Fratino. La ricognizione degli specialisti della Iucn ha lo scopo di  verificare  i parametri di qualità delle attività ambientali e di management per il riconoscimento internazionale. I risultati dell'istruttoria sono attesi per i primi mesi del 2021.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • La sciagura del ciclista ucciso, "Era generoso e scherzoso". L'automobilista indagata per omicidio stradale

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento