rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Dal Presepe Vivente dei Bambini il messaggio del Natale: "Le avversità non devono scoraggiarci"

Un presepe tanto semplice, quanto emoziante quello del 2021, con protagonisti circa 400 figuranti

“Le avversità non devono scoraggiarci. E' anche questo il messaggio del Natale”. Il vescovo Livio Corazza ha preso spunto dalla giornata fredda (2°C la temperatura) e nebbiosa nel messaggio di auguri alla città di Forlì che ha preceduto l'inizio della ventesima edizione del “Presepe vivente dei bambini”, che si è svolto sabato pomeriggio in Piazza Ordelaffi. “Di fronte alle difficoltà possiamo accendere la luce e uniti possiamo affrontarle e superarle”. 

E sulla luce la seconda riflessione del vescovo: “Strade e case sono illuminate, è quasi un'invocazione, un voler dire che vogliamo vincere le tenebre con le luci. E le luci ci danno coraggio e fiducia. Per questo è importante stare insieme, segno di speranza. Lasciamo attirare dal Natale. La stampa nazionale intitolava “Salviamo il Natale”. Ma in realtà è il Natale che salva noi se ci lasciamo attirare dal Signore Gesù, che è nostra luce e solo Lui ci dà coraggio. Solo accogliendolo, salviamo il Natale”. 

Presepe vivente dei bambini - VIDEO

Un presepe tanto semplice, quanto emoziante quello del 2021, con protagonisti circa 400 figuranti. Bambini e i ragazzi sono stati i veri protagonisti, impegnati nelle scene del Presepe Vivente (l’Annunciazione di Maria, il Sogno di Giuseppe, l’annuncio ai pastori, la Natività e l’arrivo del corteo dei Magi), nella lettura del testo, realizzato appositamente da Giampiero Pizzol, nel coro e nelle danze (l'immagine è stata realizzata dal pittore forlivese Franco Vignazia). A rappresentare Maria e Giuseppe due ragazzi delle medie, mentre il volto del piccolo Gesù era quello di Giuseppe Platani, nato il primo dicembre scorso

Presepe Vivente 2021

“Il presepe appartiene a tutti - sono le parole di Massimo Fabbri, responsabile dei Centri Educativi Domus Coop -, perchè quel Bambino che tende le braccia si lascia abbracciare da chiunque. Non è importante come sia allestito il presepe, può essere sempre uguale o modificarsi ogni anno; ciò che conta è che esso parli alla nostra vita”. “E' bellissimo vedere tutti questi bimbi finalmente insieme - ha esclamato l'assessore alle Politiche Educative, Paola Casara -. Ringrazio gli organizzatori, perchè hanno fatto un grandissimo sforzo per  realizzare il presepe vivente. C'è stata la grande volontà di dare un segno di continuità e normalità. E' un regalo ai bambini, che hanno vissuto mesi e anni duri, e che sia il segnale di una ripartenza a cui auspichiamo tutti”. 

“E' bellissima una piazza con tanti bimbi - ha concluso il sindaco Gian Luca Zattini -. Dobbiamo essere consapevoli che il Natale è la festa delle famiglie e di Gesù. Noi abbiamo tutto per essere una bellissima comunità”. Poi un consiglio: “Attorno alla semplicità ci sono le cose più belle della vita”. Il Presepe Vivente dei Bambini è stato organizzato dai Centri Educativi della Cooperativa Sociale Domus Coop, dalle Scuole “La Nave”, dagli operatori della parrocchia di San Giovanni Battista in Coriano e dai volontari dell’Associazione Gli Elefanti.  Hanno collaborato i Cavalieri del Graal - Forlì, le Associazioni “Gli amici del Plaustro”, Gruppo Arcieri “San Sebastiano”, “Il Drago Oscuro” e il Gruppo Storico “Brunoro II” di Forlimpopoli. I ragazzi delle superiori si sono occupati insieme agli adulti del servizio d’ordine. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Presepe Vivente dei Bambini il messaggio del Natale: "Le avversità non devono scoraggiarci"

ForlìToday è in caricamento