Al via la stagione dei funghi, occhio a quelli velenosi: le regole da seguire

La prima regola consiste nel "non raccogliere i funghi in modo indiscriminato, ma sempre nel rispetto dell’ambiente, tenendo presente che tutti i funghi sono utili".

Col finire dell’estate, inizia il periodo di crescita dei funghi e con questo si ripropongono i problemi legati alla raccolta ed al consumo di funghi non corretto. Al fine di prevenire casi di intossicazione, o veri e propri avvelenamenti, l’Ispettorato Micologico del Dipartimento di Sanità Pubblica, Ambito di Forlì, segnala una serie di regole da seguire. La prima consiste nel "non raccogliere i funghi in modo indiscriminato, ma sempre nel rispetto dell’ambiente, tenendo presente che tutti i funghi sono utili".

Quindi "evitare il consumo di funghi in grandi quantità ed in pasti ravvicinati, ricordando che i funghi sono sempre un alimento piuttosto difficile da digerire; evitare il consumo da parte di bambini, donne in gravidanza, persone che soffrono di intolleranze alimentari o disturbi dell’apparato digerente; evitare il consumo di funghi che non provengono dalla rete commerciale o, se raccolti da privati, di cui non sia stata identificata con certezza la specie da persone qualificate; e ricordare che quasi la totalità dei funghi commestibili provocano disturbi, o veri e propri avvelenamenti, se consumati crudi, poco cotti o in quantità eccessive".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In caso di insorgenza di disturbi dopo il consumo di funghi - viene rimarcato - occorre contattare il proprio medico curante, o l’Ospedale, ai primi sintomi di malessere; tenere a disposizione eventuali avanzi del pasto e dei funghi consumati; e fornire indicazioni utili per l’identificazione delle specie fungine consumate e del loro luogo di raccolta". E’ pertanto sempre opportuno sottoporre i funghi raccolti, o ricevuti in regalo, al controllo degli esperti dell’Ispettorato micologico, recandosi al Dipartimento di Sanità Pubblica, che si trova a Forlì, in Via della Rocca 19. Il servizio è gratuito e resterà attivo fino a lunedì 11 novembre. L’orario di apertura al pubblico, per il rilascio delle certificazioni ai raccoglitori privati, è il lunedì dalle 8,30 alle 12,30

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il suo corpo galleggiava in acqua: perde la vita in mare

  • Colpita dal muletto in retromarcia: infortunio mortale in azienda

  • Centauro si schianta contro l'auto in svolta e viene sbalzato contro il guard-rail: è grave

  • Esce di strada e finisce con l'auto contro la recinzione di una casa: è grave

  • Forlimpopoli entra nel Guinness dei Primati per la sfoglia tirata al matterello più lunga del mondo

  • La consegna del pane si conclude nella scarpata, fornaio ferito all'alba nello schianto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento