Riparte il progetto Linee di Rigenerazione: un murales colorerà le facciate dell'Ex-Atr

Andreco, artista e ingegnere ambientale, investiga i rapporti tra spazio urbano e paesaggio naturale, tra uomo e ambiente, realizzando progetti che vanno a comporre un'unica ricerca multidisciplinare

Dopo i mesi di stop per l’emergenza sanitaria, martedì all'Ex-Atr, riparte il progetto "Linee di Rigenerazione" promosso da Spazi Indecisi e vincitore del bando “Creative Living Lab” promosso dal Mibact. Obiettivo del progetto è costruire, insieme alle comunità, interventi urbani diffusi che connettano Ex-Atr ai quartieri vicini creando “linee urbane” simili a quelle degli autobus e valorizzando il percorso cittadino che dalla stazione ferroviaria attraversa i Portici fino ad arrivare al centro storico.

La prossima settimana l’artista visivo e ingegnere ambientale Andreco sarà a Forlì per realizzare, nella palazzina uffici e all’ingresso dell’ex deposito, un’opera muraria che rappresenta il primo intervento urbano del progetto "Linee di Rigenerazione", che trasformerà l'Ex-Atr nel punto di partenza per le azioni di urbanistica tattica che nei prossimi mesi saranno realizzate nell’area de I Portici e in Via Marsala 7. Partner e sponsor tecnico dell’intervento artistico è l’azienda romagnola Oikos, sempre attenta ai progetti culturali, che fornirà la sua pittura ecologica decorativa realizzata con gli scarti di lavorazioni di pietre e marmi naturali secondo i principi dell’economia circolare.

Sempre la prossima settimana gli studenti del corso di Urbanistica della Facoltà di Architettura di Cesena coinvolti nel workshop di progettazione di micro-interventi di urbanistica tattica a basso costo, torneranno in Ex-Atr per realizzare alcuni degli interventi progettati per Ex-Atr, per il cortile delle case popolari di via Marsala 7 e i Portici.

Andreco, artista e ingegnere ambientale, investiga i rapporti tra spazio urbano e paesaggio naturale, tra uomo e ambiente, realizzando progetti che vanno a comporre un'unica ricerca multidisciplinare. Utilizza un linguaggio di sintesi, simbolico e concettuale, servendosi di diverse tecniche di rappresentazione: installazioni, performance, video, pittura murale, scultura e progetti d'arte pubblica. Partecipa a mostre e festival internazionali e le sue opere sono state esposte in manifestazioni artistiche istituzionali, musei e gallerie.

Il progetto

Il progetto “Linee di rigenerazione” a cura di Spazi Indecisi, realizzato in partnership con Città di Ebla e la Coop. Casa del Cuculo e in collaborazione con Acer, coop.Cad, Università di Bologna e il Comune di Forlì, si è aggiudicato il premio “Creative Living Lab II edizione” promosso dalla Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

“Linee di rigenerazione” opera nel Quartiere San Pietro nell’area delle case popolari Acer, abitate da famiglie in stato di fragilità sociale ed economica, e nel quartiere Musicisti Grandi Italiani nell’area dei Portici, caratterizzata da ampie aree verdi non progettate e negozi sfitti.  Il progetto vuole abilitare le relazioni tra persone e città, rivitalizzando spazi ed aree inutilizzate (piazzette, porticati, corridoi, parcheggi, muri e zone interstiziali non utilizzate) attraverso micro-interventi di rigenerazione urbana che gli stessi cittadini concorrono a definire, a costruire e poi a curare come aree gioco, orti pubblici, arredo urbano, ecc. 

Iniziata a ottobre con sopralluoghi partecipati, passeggiate patrimoniali, laboratori fotografici, tavoli di lavoro e la raccolta di 120 questionari, la fase di analisi ha permesso di conoscere meglio il quartiere e di fare emergere la percezione che gli abitanti hanno dell’area, concludendosi con l’individuazione dei luoghi in cui saranno realizzati i micro progetti migliorativi e dei limiti normativi entro i quali ideare gli interventi. 

Molteplici sono le necessità emerse durante il monitoraggio degli scorsi mesi: dal bisogno di spazi di aggregazione sia per gli anziani che per i più giovani, alla volontà di migliorare zone dal potenziale inespresso, dall’urgenza di valorizzare rendere più vivo e sicuro il tratto che collega la stazione al centro storico, passando per i Portici ed EXATR, al desiderio di incrementare le aree gioco e sportive presenti nell’area. 

Tra i luoghi segnalati, su cui Linee di Rigenerazione concentrerà gli interventi nei prossimi mesi, ci sono quindi alcuni cortili interni delle case popolari Acer, Ex-Atr, piazzetta Savonarola e l’area verde presente ai Portici. Il processo di definizione di questi spazi ha visto la partecipazione attiva di numerosi soggetti pubblici e privati: l’amministrazione comunale e i suoi tecnici, la Soprintendenza di Ravenna, Acer oltre ad alcune delle realtà che vivono quotidianamente l’area come associazioni, comitati, parrocchie, gruppi scout e un nutrito gruppo di cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento