Tanta pioggia, il gigante della Romagna si è svegliato: "furiosa" tracimazione della diga di Ridracoli

La poderosa cascata di 103,5 metri, rispetto allo scorso anno, si è "accesa" con tre mesi di ritardo

Il gigante della Romagna si è finalmente svegliato. In pochi mesi si è passati dal timore di una possibile crisi idrica in vista dell'estate alla prima tracimazione dell’anno. La poderosa cascata di 103,5 metri, rispetto allo scorso anno, si è "accesa" con tre mesi di ritardo, complice un inverno piuttosto avaro di precipitazioni. Ad accelerare il tuffo dell'acqua sul Bidente all’altezza del Mulino della Teresona anche la terza perturbazione di maggio e la fusione della neve caduta abbondante tra il 5 e il 6 maggio scorso, quando sul crinale si sono accumulati tra i 28 centimetri (misurati sul Monte Falco) e i circa 40 centimetri della cima appenninica.

Piogge, allagamenti e fiumi in piena: la situazione in tempo reale

L'insolito inizio di maggio, freddo e piovoso, ha dato un deciso contributo al processo di tracimazione. L'invaso ha superato il volume massimo di 33 milioni di metri cubi d'acqua, oltrepassando il livello di sforo (557,33 metri). Il gigante, costruito a partire dalla metà degli anni Settanta, rappresenta il principale serbatoio d'acqua potabile dell'acquedotto della Romagna, provvedendo a fornire mediamente circa il 50% dell'acqua distribuita sull'intero territorio. Le scarse piogge nel primo trimeste dell'anno avevano fatto temere il peggio in vista dell'estate.

L'inverno è stato infatti piuttosto avaro: 79,6 millimetri di pioggia a gennaio contro una media media storica di 110,1, 116 millimetri a febbraio (la media è 126,2) e 67 millimetri a marzo (media di 127,9). Anche aprile ha visto piogge al di sotto della media, con punte di circa 130 millimetri quando ne sono attesi 228 millimetri. L'ondata di freddo artico giunta lo scorso weekend e la perturbazione  da ovest che ha attraversato la Romagna tra mercoledì e giovedì hanno portato circa 100 millimetri di precipitazioni. Ed altre se ne attendono nei prossimi giorni. Il fenomeno della tracimazione resta sempre suggestivo e coinvolgente, richiamando nella vallata del Bidente l'attenzione dei turisti.


Emergenza maltempo del 13 maggio
Il Montone supera la soglia rossa e gli 8 metri d'altezza
Allagamenti in via della Grotta: la paura dei residenti
Con le piogge tracima la diga di Ridracoli
Frane e smottamenti sulle strade provinciali
Circolazione dei treni sospesa per la giornata
Nuova allerta rossa per la giornata di martedì
"In 24 ore tutta la pioggia di maggio"
Scuole chiuse in due frazioni

L'alluvione
Alluvione a Villafranca: la situazione dopo la piena
Di Maio: "Subito lo stato di calamità"
Morrone: "E' un disastro"

I VIDEO

Il giorno dopo: la situazione a Villafranca
Acqua e fango: l'alluvione dopo la piena del fiume
 

Il fiume Montone in piena a Schiavonia
Finisce sott'acqua la pista ciclo-pedonale del Montone
Si rompe l'argine sotto il ponte dell'A14
La cascata della diga di Ridracoli
Via della Grotta: i cittadini tremano per le loro case
La piena eccezionale del Montone: 7,71 metri
Montone, il punto della passerella completamente sommersa
Allagamenti al Parco Urbano a ridosso dell'argine
Acqua in strada in via Lughese

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Dramma in A14, auto si schianta fuori strada e si ribalta nel fosso colmo d'acqua: un morto ed una donna ferita

  • Si ritrova "sgraditi ospiti" nella minestra: protesta per le larve nel pacco di pasta

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

Torna su
ForlìToday è in caricamento