Case di cura e dosaggio di farmaci agli anziani, l'Ausl: "Spetta solo al personale infermieristico"

E' quanto stato chiarito dall'Ausl al termine di una serie di incontri in Prefettura

L'attività di prelievo del farmaco dal blister ed il dosaggio di farmaci, anche complessi, nelle case di assistenza è di esclusiva competenza del personale infermieristico. E' quanto stato chiarito dall'Ausl al termine di una serie di incontri in Prefettura. Sulla questione intervengono Fp Cgil, Fisascat Cisl Romagna e Uil Fpl: "Stiamo sempre più frequentemente assistendo nel nostro territorio alla nascita di strutture  assistenziali  private, in cui vengono ricoverati i nostri “nonni”, che richiedono agli operatori socio sanitari di agire in maniera non conforme alle leggi ed ai profili professionali".

"Viene spesso loro richiesto di dosare e somministrare, senza averne né titolo né competenze per farlo, farmaci agli ospiti ricoverati, tale compito è del personale infermieristico", viene rimarcato, aggiungendo come "non sia possibile speculare sull’incolumità dell’ospite, paragonando l'anziano ad una “merce” svendibile, scaricando responsabilità sull’esecutore, ovvero l’operatore socio sanitario.E' di questi giorni una conquista di dignità del lavoro conseguentemente ad una vertenza in Prefettura di  Forlì-Cesena, dove dopo due incontri con gli avvocati e la proprietà di una cooperativa, è stato chiarito dall’Ausl che l’attività di "prelievo del farmaco dal blister ed il dosaggio di farmaci anche complessi è di esclusiva competenza del personale infermieristico". E’ stata così stabilita una corretta applicazione dei profili professionali riconosciuti dal contratto collettivo nazionale del lavoro sottoscritto dai sindacati del settore, anche a favore e tutela dell’anziano".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Concludono Fp Cgil, Fisascat Cisl Romagna e Uil Fpl: "Riteniamo che le sempre più frequenti politiche e logiche di mercato e profitto debbano essere bloccate da coloro che hanno la diretta competenza sulla tutela della salute pubblica, come sancito dalla nostra Carta Costituzionale. L’anziano non può essere abbandonato! I lavoratori devono poter svolgere le proprie competenze tutelando “i nostri anziani”".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

  • Coronavirus, nel forlivese un nuovo caso ma nessun decesso

Torna su
ForlìToday è in caricamento