Tariffe Alea, il Pd bacchetta il centrodestra: "Criticano le scelte dei propri amministratori"

Esordisce così il segretario comunale del Pd Forlì, dopo le dichiarazioni degli esponenti del centrodestra in seguito all’approvazione delle tariffe di Alea.

"Tutte le volte che gli esponenti del centrodestra parlano di Alea, fanno sorridere, per le palesi contraddizioni che emergono: criticano il nuovo sistema di raccolta che anche i sindaci  espressione delle loro liste hanno votato, senza esprimere posizione contraria durante il coordinamento soci". Esordisce così il segretario comunale del Pd Forlì, dopo le dichiarazioni degli esponenti del centrodestra in seguito all’approvazione delle tariffe di Alea.

TARIFFE ALEA: "ECCO QUANTO SI RISPARMIERA'" - LA REAZIONE DELLA LEGA - LA REAZIONE DI FORZA ITALIA - IL M5S

"Davvero ci si chiede cosa impedisca ai comuni rappresentati da sindaci di centrodestra, di prendere posizione durante il coordinamento soci di Alea, mentre, ad esempio, le tariffe sono state votate all’unanimità - prosegue Zoli -. Coordinamento il cui presidente, va ricordato, è Vittorio Cicognani, assessore della giunta di centrodestra di Meldola. Direi che c’è materiale a sufficienza per far tremare i polsi anche al più fantasioso scrittore di commedie dell’assurdo".

"Io credo che questa fase di avvio abbia presentato anche momenti difficili, che il coordinamento soci ha saputo gestire e indirizzare per il meglio - conclude Zoli -. La strada è ancora lunga per poter dire che il servizio sia perfettamente a regime, ma credo che, principalmente per gli obiettivi ambientali, i cittadini sapranno apprezzare e compiere qualche sforzo per migliorare la gestione dei loro rifiuti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • "Volevamo avere qualcosa di nostro": tutta la famiglia si rimbocca le maniche ed apre un bar

Torna su
ForlìToday è in caricamento